Prime esperienze

Fatti realmente accaduti, nomi inventati per discrezione.

Finita la nostra giornata di lavoro io e Filippo, mio amico sin dall’infanzia, ci incamminiamo a piedi verso casa. Abitiamo a pochi passi uno dall’altro e a poca distanza dal posto di lavoro che occupiamo da qualche anno. Fa un caldo bestiale, nonostante siano ormai le 17, e le strade sono piene di gente. 
Filippo è sposato con Chiara mentre io sono single un po’ per scelta ma molto per una mia scarsa propensione alla conquista quindi, essendoci molta confidenza tra noi, non si lascia sfuggire occasione per indicarmi qualche bellezza lungo il cammino. C’è da dire che le ragazze, complice l’afa, passeggiano nelle strette vie del centro “svestite” come se fossero al mare e i miei ormoni ne risentono.
Ad un certo punto il cellulare di Filippo suona, un sms. Lui da un’occhiata al monitor e mi dice “ E’ Chiara….vediamo cosa vuole”. Chiara è la moglie e mia amica, siamo appena quarantenni tutti e tre. Una decina di anni fa la conobbi all’università, nel giorno della mia laurea. Era arrivata in facoltà convinta di assistere alla laurea di una sua amica che invece si era già laureata un’oretta prima e che era andata via. Mi piacque molto e allora, complice il momento di euforia, nonostante la mia timidezza la invitai a brindare con noi. Filippo era presente e appena si accorse di lei le fece una corte spietata mentre io ubriaco mi divertivo con gli altri miei amici. Un mese dopo Chiara era incinta e tre mesi dopo erano sposati.

Da allora siamo diventati amici inseparabili.
Filippo legge e si gira verso di me con un sorrisino strano stampato in volto. “ Chiara ha la patata bollente” mi dice e sorride con un po’ di amarezza. Io abituato alle sue confidenze anche molto intime sulla loro vita sessuale gli dico di accelerare il passo e di andare a raffreddarla. 
“ Leo, tu lo sai che ce la metto tutta ma è un periodo che Chiara è assatanata ed io con la mia dotazione ho l’impressione di non soddisfarla mai…”. 
“ Dai Fili, lo sai che le dimensioni non contano” gli dico per incoraggiarlo.
“ La fai facile tu che, non è che hai un mostro tra le gambe, ma almeno ce l’hai normale”
Filippo aveva sempre avuto questo complesso al quale sopperiva con una certa abilità nel rapportarsi col mondo femminile. Aveva avuto sempre più successo con le donne rispetto a me che sono più riservato, impacciato, timido. Ma alle volte anche gli uomini più brillanti e sicuri di sé possono avere dei momenti difficili. 
A un certo punto mi dice “…ma lo sai che Chiara ogni tanto ultimamente fantastica su giochi a tre con altri uomini? Non con altre donne, ma con altri uomini!…non le basto più”
Ed io, sempre per tirarlo su “ No, ma dai, non è questo, le fantasie hanno le loro gambe….e poi potrebbe anche essere divertente per voi, che ne sai?”
Sentite queste parole gli si illumina il viso, si gira verso di me con un altro sorrisino dei suoi e mi dice “ Ma tu hai impegni adesso?”
“ No, perché?....” e dicendo questo realizzo dove vuole andare a parare “….Fili, ma sei scemo?”
“ Dai Leo, se ci pensi è la cosa migliore che io possa fare per Chiara. Ti vuole un mondo di bene, tu anche, le piaci, ci conosciamo benissimo, tutto sarebbe più facile e piacevole”
“ Tu sei fuori di testa “ribatto.
“ Ma scusa, a te Chiara piace?”
“ Certo che mi piace, è bellissima, ma è anche tua moglie e tu la ami”
“ Appunto perché la amo farei di tutto per farla felice, e questa è un’occasione fantastica: preferisco che sia il mio migliore amico a farla divertire e non un estraneo. Poi tutte le complicazioni per trovarlo, conoscerlo….no, non ci penso neanche….e poi ho un’idea: faremo in modo che lei non si accorga che sei tu e non io a far sesso con lei, magari così capirà anche lei che un cazzo più grosso non è indispensabile….dai Leo, ti prego, faresti felice anche me”
Complice l’ennesima fanciulla seminuda che mi passa davanti, la scia del suo profumo, quel suo ancheggiare, forse la vista di quel culetto fasciato da un mini short mi fanno vacillare. Filippo che mi conosce come le sue tasche coglie il mio stato d’animo, senza dirmi niente scrive un lungo messaggio a Chiara e poi mi guarda e dice “ E’ tutto organizzato”.
Nei dieci minuti di cammino che ci separano da casa mi spiega cosa ha organizzato. Chiara crede di aspettare lui, invece entrerò io in camera e troverò questa situazione: lei in quel momento sta affacciata alla finestra impegnata in una delle sue lunghissime chiacchierate con la dirimpettaia. Filippo le ha detto di non muoversi per nessun motivo al mondo e di continuare a parlare come se niente fosse. A me ha detto “ Falla divertire come meglio credi”.
Il mio cuore andava a mille, ero emozionatissimo al pensiero di quello che stava per succedere; Chiara un’amica ma anche una grande figa che avevo sempre desiderato stava per essere mia. Chiara è una persona schietta e gioviale; non sfrontata ma neanche pudica non sono mancate occasioni in cui, grazie alla grande confidenza tra noi, l’ho vista praticamente nuda. Per esempio in Croazia tra gli scogli con addosso una brasiliana e basta ma anche in casa vestita solo di tuniche semitrasparenti e con sotto solo il perizoma. E’ alta 170 cm., capelli neri e lisci lunghissimi fino alla fenditura delle chiappe, la carnagione è olivastra, seconda di tette coi capezzoli piccoli, il culo ( la parte che preferisco di Chiara e di tutte le donne ) è alto, carnoso e pieno. Fantastico.
Arriviamo sotto casa e lei è li, affacciata alla finestra del primo piano e impegnata nella sua chiacchierata, è vestita con un abitino leggero che io conosco bene con delle bretelline sottilissime che le lasciano le spalle scoperte, aderente fino ai fianchi e poi svolazzante fino a metà cosce. Noi siamo immersi nel via vai pomeridiano di quella viuzza del centro e lei non si accorge di noi. Entriamo, saliamo al primo piano, la porta della camera è accostata. Filippo la spalanca ed ecco lo spettacoloso panorama che appare davanti ai nostri occhi: Chiara è affacciata alla finestra con i gomiti poggiati sul davanzale, le tende chiuse scendono dritte fino a sfiorarle i fianchi e lasciano che il culo e le cosce sporgano dentro la stanza; il vestitino le arriva a coprire appena le chiappe tonde e generose, le gambe nude si sfiorano appena e infine un paio di sandali con zatterone da 10 centimetri sono un suo arrapante omaggio allo sguardo di Filippo ( e mio, ma lei non lo sa ).
Filippo, per non rischiare di essere sgamato dalla vicina, invia un sms a Chiara “ Sono qui, non muoverti per nessuna ragione…”. Mi da qualcuno dei loro sex toys, mi lascia il suo cellulare per comunicare con Chiara via sms poi esce dalla stanza e va nell’altra stanza. Io mi tolgo i pantaloni e le scarpe e resto in maglietta e boxer. 
Mi avvicino a lei col cuore in gola, mi inginocchio alle sue spalle e comincio ad annusarla infilando la testa sotto il vestito. Lei ha un sussulto appena percettibile segno che si è accorta della mia presenza. Io senza toccarla percorro col naso le sue curve e aspiro il suo profumo familiare. Le sue gambe si muovono appena cambiando il piede di appoggio strofinandosi una all’altra e le chiappe le assecondano nel movimento. Il mio naso adesso indugia nel solco del suo culo fino ad arrivare all’attaccatura delle cosce. Non vedo nulla tanto sono vicino ma sono sicuro che vista la posizione di Chiara facciano capolino le grandi labbra appena sotto il buco del culo. Il profumo che sento è il più bello ed intenso che io possa immaginare, ho l’acquolina in bocca e il cazzo semiduro.
A quel punto mi alzo, vado in bagno a lavarmi e visto che ci sono prendo tutto ciò che vedo e che possa essermi utile e in due minuti sono di nuovo in camera. Nudo ed eccitato come una scimmia torno dietro di lei.
Metto un po’ di crema sulle mani e comincio a massaggiarla iniziando dai piedi, poi salgo alle caviglie e ancora più su fino alle cosce. Delicatamente le faccio capire che voglio che divarichi leggermente le gambe e lei mi asseconda. Le mie mani scivolano sulla sua pelle con delicatezza arrivando a sfiorarle la passera. Chiara, che continua a parlare con la sua amica, inizia a farmi capire i tocchi che preferisce con i movimenti dei fianchi e del culo. Insisto sull’interno delle cosce e lei scodinzola: io invece inizio a sentire odore di figa bagnata.
Sms di Chiara “….mmmmm, finalmente stai imparando a fare i massaggi porcellino” non immagina che le mani siano mie e non di Filippo.
Le sollevo il vestito e appare il culo dei miei sogni: ancora non l’ho toccato ma pregusto il momento che sta per arrivare ma che ancora riesco a rinviare. Ha il perizoma e la veste è adesso poggiata sui suoi fianchi quasi ad incorniciare tanto splendore. Con una mano mi insinuo sotto il vestito percorrendo lentamente la schiena fino ad arrivare alla testa: i capelli sono tenuti su da un bastoncino di legno, lo levo e come una cascata scendono giù fino ai lombi. La vicina ignara di tutto spiega a Chiara il segreto per una buonissima parmigiana.
Riscendo un po’ con la mano fino alle ascelle. Le accarezzo quella nascosta allo sguardo della vicina, l’accarezzo a lungo e Chiara abbassa il braccio come a fermare la mano. Non so se ha solletico o se gradisce ma la cosa è divertente. Poi scendo ancora e da sotto il vestito sfioro il suo seno e Chiara ha un brivido. Sono ancora inginocchiato dietro di lei con il viso a pochi centimetri dal culo, dalla finestra arriva una leggera brezza calda che le passa tra le cosce e trasporta al mio naso il profumo dalla sua figa. Sono eccitatissimo e il cazzo pulsa tra le mie gambe.
Chiara ride in maniera esagerata al racconto tutto sommato normale di una loro amica che non è riuscita a trattenerla e si è pisciata addosso. Io infilo anche l’altra mano sotto il vestito e con entrambe cingo i fianchi di Chiara poi risalgo fino a sfiorarle le tette da sotto. Devo cercare di non essere visto dalla vicina, non voglio rischiare che salti tutto. Lei capisce che sto per desistere e fa finta di rinfrescarsi agitando il vestito: ne approfitto e per qualche secondo accolgo i suoi seni nelle mani, li stringo un po’, poi li accarezzo e tra medio ed indice strizzo un po’ i capezzoli. Sento i battiti accelerati del suo cuore, fa un respiro profondo e tira la testa indietro.
“ Che caldo assurdo che fa, ci vorrebbe qualcosa di fresco” dice.
E la vicina“ Dai si, quando tornano i maritini andiamo a prendere un gelato” e ricomincia a parlare.
Scendo con le mani sul monte di Venere, con la destra resto li e con la sinistra prendo altra crema. Inizio a massaggiarla restando tra il bordo superiore del perizoma e l’interno cosce. Le sfioro continuamente la figa senza toccarla e Chiara comincia ad essere agitata. A un certo punto si leva i sandali dicendo alla vicina che i piedi nudi sul pavimento le danno un po’ di sollievo. Solleva il piede destro che atterra sul mio cazzo duro e comincia a percorrerlo con delicatezza partendo dalle palle. La lascio giocare un po’ col cazzo duro mentre io ne approfitto per soffiare con la bocca su entrambi i suoi buchini roventi.
Sms “ sento che siete ispirati stasera…” e per un attimo penso che ci abbia sgamati “…tu e il tuo cazzo ”. Sospiro di sollievo.
Dopo mi siedo a terra dandole le spalle, le faccio divaricare le gambe e strisciando all’indietro mi infilo sotto di lei. Ho deciso che il mio primo contatto con il paradiso terrestre sarebbe avvenuto con la bocca e la lingua. A questo punto ho la veste di Chiara che mi sfiora la nuca e la sua figa coperta dal perizoma a tre centimetri dal volto. Non ci sono tracce di peli, mi sa che Chiara è totalmente depilata ed io vado in brodo di giuggiole. Aspiro il suo profumo; lei cerca di avvicinarsi con la passera alla mia bocca segno che è impaziente ma io la tengo a bada con le mani che intanto le massaggiano il dietro delle cosce fino a sfiorare le natiche. E’ da un quarto d’ora che gioco col suo e col mio desiderio: sto conducendo il gioco e rinviare è una mia scelta, che lei però non ha dato segno di subire. Adesso Chiara ascolta soltanto e la vicina imperversa.
Improvvisamente mentre le massaggiavo le cosce mi mette di nuovo il piede sul cazzo dandogli dei colpetti a quel punto capisco che non ce la fa più e la mia bocca affonda sulla figa ancora coperta dal perizoma che è fradicio dei suoi umori. Li succhio soddisfatto per essere riuscito ad infuocarla. La bocca è aperta e la lingua percorre il bordo del perizoma cercando di infilarsi sotto a cercare le grandi labbra. Per un attimo Chiara poggia la mano sulla mia testa e attraverso il vestito la preme su di se’. Io cerco con le mani il filo del perizoma sui fianchi, comincio a farlo scendere ma lo lascio li mezzo calato e fermo all’altezza dell’attaccatura delle cosce. Mi eccita tantissimo non togliere del tutto la biancheria intima, far uscire una tetta senza togliere il reggiseno, calare gli slip quel poco che basta a scoprire le mete ambite dal mio cazzo duro, mi fa impazzire una bretellina che cade dalla spalla.
Sto leccando con la bocca spalancata e le mie e le sue labbra sono unite in un bacio succulento. La lingua spennella avida il clitoride senza dargli tregua. Chiara ha sempre più difficoltà a parlare con la sua amica e comincia a muoversi troppo. Io cerco di tenerla ferma mettendole le mani sulle chiappe, e premendo la sua figa sulla bocca. Le mani impastano il suo culo e allargano e strizzano le natiche, a un certo punto le sento irrigidirsi e nella mia bocca arriva un fiotto caldo e dolciastro. Bevo il suo succo avendo l’impressione di essere l’uomo più fortunato al mondo in quell’istante.
Ingoio e mi lecco le labbra, per darle un momento di tregua e senza staccarmi mai da lei scendo fino al perineo, lecco ancora e poi ancora leccando arrivo al buco del culo. Le mani allargano le chiappe, la lingua riempie il solco, Chiara è madida di sudore e il mio naso è dentro la sua vagina.
Senza mai staccare le mani da lei vado per alzarmi e mi appare davanti Filippo che è seduto sul bordo del letto con le braghe calate ai piedi e si sta segando. E’ a non più di due metri da noi non so da quanto tempo: immerso tra le gambe di Chiara non l’ho sentito arrivare. Vedo per la prima volta il suo cazzetto duro e mi rendo conto che non è del tutto piccolo, sarà lungo poco meno di quindici centimetri, però a dire il vero non è molto grosso e anzi rispetto al mio è proprio sottile. 
Gli lancio uno sguardo interrogativo, lui alza le spalle, mi fa un sorriso supplichevole e mi invita a non dire niente. Sono un po’ imbarazzato ma l’eccitazione prende il sopravvento, mi rimetto alle spalle di Chiara e la lingua torna al buco del culo: Chiara sculettando mi invita a proseguire. Con la sinistra allargo le chiappe e con la destra le massaggio la figa completamente aperta e invitante. Bacio e lecco ad occhi chiusi il buco del culo di Chiara per palesare la mia venerazione per quel giaciglio.
Le invio un sms “ Agita ancora il vestito come prima….”. Lei non se lo fa ripetere e ne approfitto per prendere tra i giochi due pinze e applicarle sui capezzoli, sospira. Intanto lecco e la mia mano torna alla sua figa bagnata e fresca. Il pollice gioca all’ingresso della vagina con l’intenzione di entrare al più presto mentre le altre dita rimangono sul grilletto turgido. Il pollice entra, la mano si adagia sull’esterno della figa e inizio un lento massaggio. Intanto lecco il buco del culo senza sosta.
Con la mano libera afferro le cordicelle attaccate alle pinze dei capezzoli e le tiro leggermente, poi le faccio vibrare. Chiara sculetta sulla mia faccia, la mano è sempre più fradicia dei suoi umori. Il mio cazzo è sempre duro e aspetta il suo momento.
Sms di Chiara ” cos’hai in mente di fare col mio buchino?”
Io “ prendermi cura di lui “
Chiara “ mmm porcello che sei “
Le risposte di Chiara alla sua logorroica vicina sono ormai dei monosillabi, le risposte che da a me sono sempre più eccitate. Il mio sguardo va allora ai giocattolini, ne prendo uno di quelli telecomandati a forma di “u”. Immergo un’estremità nella vagina fino al punto G mentre stringo l’altra rimasta fuori sul clitoride. Aziono il telecomando, Chiara inarca la schiena ed io mi rituffo con la bocca sul buco del culo. Mi piace leccare il buco del culo delle donne e credo che questa mia passione venga trasmessa a loro attraverso la mia lingua. I contorni dell’ano sembrano essere più turgidi adesso e si muovono dialogando con la mia bocca e rispondendo alle stimolazioni del vibratore inserito dentro di lei. Quando lo aziono il buchino si apre e Chiara spinge vogliosa le chiappe verso di me.
Dopo qualche minuto mi alzo senza staccarmi mai da lei infilo il cazzo duro tra le chiappe, lei lo stringe. Prendo un preservativo, faccio scorrere verso l’alto il cazzo tra le natiche, lo scappello e lo infilo nel palloncino. La lunghezza, 16 centimetri, è normale ma, mi hanno detto le donne che ci hanno giocato, è molto grosso. Appoggio la cappella fra le grandi labbra grondanti e ingrossate all’inverosimile. Aziono il telecomando e il sex toy comincia a vibrare alla velocità minima. Spingo dentro il cazzo con lentezza tenendo Chiara dai fianchi. Lei inarca la schiena e mi accoglie. Il mio ventre si appoggia alle sue chiappe mentre tengo il cazzo piantato nella figa senza muoverlo. Per un po’ resto fermo. Col cazzo spingo il vibratore verso il punto G e allo stesso tempo le sue vibrazioni mi massaggiano la cappella. 
Inizio a scoparla lentamente come a voler prolungare e rinviare il piacere poi aumento il ritmo. Le allargo le chiappe per guardarle il buco del culo mentre scopiamo e noto le sue contrazioni. Prendo il tubetto del lubrificante e ne lascio cadere un po’ proprio li. Lei sente il liquido e inizia a stringere e dilatare il buchino: lo vuole. Allora senza rallentare la scopata punto il mio pollice sul buco e la penetro dolcemente ma fino i fondo. Sin dall’inizio della trombata quello è stato il mio obiettivo, il culo di Chiara, troppo bello per non goderselo. Da ragazzo ricordo che appena la ragazza di turno si metteva a pecorina, che io stessi scopando la sua figa o il culo, non resistevo più di trenta secondi e sborravo. Adesso sono migliorato e resisto quanto voglio.
“ Oh Chiaretta! stai proprio a morire dal caldo, sei tutta rossa…” dice la vicina e Chiara un po’ biascicando “…si ma mi piace sto caldo…” e si agita ridendo per coprire i brividi del suo orgasmo. Le contrazioni del buco del culo serrano il mio pollice. Gli umori mi bagnano le palle, lei le accoglie e le accarezza con la mano e poi con la scusa di asciugare il sudore sul viso si spalma gli umori vicino alla bocca. Mi volto un attimo e vedo che Filippo intanto si è messo in ginocchio al nostro fianco e guarda il mio cazzo ed il pollice che entrano ed escono incessantemente da Chiara.
Prendo il cellulare e le scrivo: “ Mi piace la situazione, sei divisa in due; dalla vita in su sei una donna che chiacchiera normalmente con la vicina mentre contemporaneamente l’altra metà gode da troia “. Mi risponde subito: “ Fammi il culo!!!”. Faccio leggere la chat a Filippo e gli si illuminano gli occhi. Per me è difficile capire perché Filippo sia così contento a vedere la sua donna che sta per essere inculata dal suo migliore amico, ma le mie palle gonfie mi fanno mettere da parte questi pensieri.
Il cazzo esce dalla sua figa e faccio rallentare il vibratore. Lentamente estraggo il pollice dal culo, lo affianco all’altro pollice e spingo. Filippo prende il tubetto e lubrifica. I pollici entrano con una certa facilità segno che l’ano è già abituato e rilassato. Entrambi i pollici sono dentro di lei e con le mani palpo e strizzo le chiappe. Filippo lubrifica ancora e continua a segarsi. La vicina parla di una loro amica che cornifica il marito con il cognato. Chiara, ancora divisa in due, è indignata dalla vita in su e ingrifata dalla vita in giù.
Tolgo i pollici e il preservativo e avvicino la cappella. Credo che questo attimo prima dell’intrusione sia in assoluto uno dei momenti più belli della vita. La consapevolezza che stai per godere come un porco nel culo di una gnocca che non chiede altro che essere sodomizzata. Quindi aspetto un po’ per prolungare questo piacere, Filippo mi guarda interrogandomi, io sorrido, guardo il buco, faccio cadere un po’ di saliva su di esso, appoggio la cappella. Mi fermo ancora, Chiara sente la presenza del cazzo sul suo buchino e scodinzola incitandomi a entrare ma io resto li fermo sull’uscio arrapato come mai mi era successo. Filippo mi interroga ancora silenziosamente io sorrido sornione e faccio cadere un altro po’ di saliva. A questo punto Filippo poggia una mano sulle mie reni e mi spinge verso Chiara come per incoraggiarmi così entroooooo.
Chiara ha come un sussulto gira la testa verso l’interno ma le tende non le fanno vedere dentro. Le scrivo di non muoversi e lei “ Fili, mi hai fatto arrapare così tanto che mi sembra più grosso del solito…mi fa un po’ male ma sto impazzendo…chiavami stronzetto”
Sono nel posto più bello in cui potrei essere, il buco di culo di Chiara. Al mio fianco Filippo asseconda l’inculata con la mano poggiata subito sopra le mie chiappe e mi spinge mentre con l’altra si sega lentamente. Tengo Chiara dai fianchi, ogni tanto faccio uscire quasi del tutto il cazzo ma senza staccarlo dallo sfintere. L’odore degli umori del suo culo sale verso il mio naso e mi inebria, lubrifico ancora un po’ e poi rientro. 
E’ la prima volta che scopo davanti ad un’altra persona, in più addirittura questa persona mi tocca la schiena con una mano, è il marito di colei che sto inculando ed è il mio migliore amico, ma sono così arrapato che non ci faccio caso. Filippo con quella mano partecipa alla mia inculata, Chiara invece non può muoversi più di tanto davanti alla sua vicina che imperversa. 
Chiara scrive “non fermarti porco”. Io aumento il ritmo, riaccendo il vibratore poi prendo un dildo lo immergo nella figa e lo blocco dentro di lei facendo risalire il perizoma. Chiara scrive “ figlio di una gran troia” e sporgendo una mano verso l’interno mi prende una chiappa e mi spinge a se. Filippo vede la scena ed abbassa pure la sua di mano sull’altra mia chiappa. Ho entrambe le chiappe palpate e strizzate dalle loro mani. Poi Chiara si stanca e si stacca, Filippo non resta li sulla chiappa ma si sposta nel solco del mio culo e inizia a massaggiarmi lo sfintere. Lo guardo come a chiedergli spiegazioni e lui sorride malizioso.
Il mio culo non è mai stato molto frequentato. Ogni volta che qualcuna provava a infilarmi un dito mi facevo male e mi si ammosciava all’istante. Ma poi una decina di anni fa un paio di donne mature che ho frequentato e che evidentemente conoscevano meglio l’argomento mi avevano fatto godere come un porco succhiandomelo e infilandoci dentro chi una carota chi le dita. Da allora non ho più avuto preconcetti sulla stimolazione della prostata pur restando etero e Filippo tutte queste cose le sa. Ma questa volta è diverso: ho al mio fianco un maschio di cui sto inculando la donna e che a sua volta mi si vuole inculare. Immerso in questi pensieri mi eccito ancora di più, inculo Chiara con veemenza e rischio quasi di sborrare. 
Rallento il ritmo ma capisco che il massaggio e le attenzioni di Filippo verso il mio culo mi hanno eccitato moltissimo. Guardo Filippo, lui capisce. Si inginocchia dietro di me, mi allarga le chiappe e inizia a leccarmi il buco. Sfilo quasi tutto il cazzo dal culo di Chiara così posso fermarmi e godermi la lingua di Filippo sporgendo le chiappe verso di lui. Il cazzo si rinfresca un po’ mentre la mia cappella gioca con l’ano di Chiara. Poi Filippo si alza prende il gel, ne versa una noce sulla mano, con l’altra mi allarga le chiappe e mi spalma il gel sul buchetto. Continua il suo massaggio e grazie alla lubrificazione inizia a infilare il dito medio dentro. Io devo resistere per non sborrare all’istante. Filippo infila anche l’indice e si dedica alla mia prostata.
Dopo un po’ Filippo si alza, si lubrifica il cazzo e mi incula senza esitazioni mentre io rientro nel culo di Chiara. La vicina proprio in quel momento dice a Chiara “ Che ne dici di una pizza domani sera?” e Chiara risponde “Siiiii!!” con un entusiasmo che la vicina stenta a capire. 
Io e Filippo andiamo all’unisono e il mio impalamento, complice le dimensioni del mio amico, è stato del tutto indolore. Ho preso un cazzo in culo per la prima volta e non ho provato dolore; è proprio il caso di dire “che culo”. In quel momento, chiuso a sandwich tra Filippo e Chiara, penso di essere l’uomo più felice del mondo. E in quel momento mi sono sentito anch’io come Chiara, diviso in due; davanti attivo impalo Chiara, dietro passivo vengo inculato da Filippo.
Alzo il vestitino di Chiara mi piego in avanti e le lecco la schiena madida di sudore mentre tiro all’inverosimile i cordini delle pinze che le stringono i capezzoli. In questa posizione offro meglio il mio culo a Filippo che ne approfitta e pompa come un forsennato. Le spinte del mio amico si ripercuotono su Chiara attraverso il mio cazzo che è durissimo. Le mie palle sbattono sulle cosce di Chiara come quelle di Filippo sulle mie. 
Ogni tanto mi sfilo da Chiara per rinviare l’orgasmo ancora un po’ ma so di avere i minuti contati. Devo inventarmi qualcosa per distrarmi. Scrivo a Chiara “ videochiamami “. Lei facendo in modo di non essere vista fa partire la videochiamata e dopo un po’ il telefono di Filippo vibra. Lo consegno a lui che risponde e vede finalmente il viso stravolto di Chiara che sta godendo come una vacca ma non può darlo a vedere. Chiara invece vede il viso di Filippo che pare la stia inculando mentre invece sta inculando me.
Chiara ogni tanto sbircia il display dello smartphone ma per lo più cerca di tenere in piedi la conversazione con la vicina. Tiene in mano il telefono con l’obiettivo puntato sul suo viso ma guarda la vicina. Filippo approfitta di questo per mostrarmi il viso della moglie. Il volto di Chiara è tutto rosso, la fronte imperlata di sudore, gli occhi lucidi e le palpebre semichiuse. La bocca è un po’ aperta, con la lingua continua incessantemente a leccarsi le labbra che sembra stiano succhiando un ipotetico secondo cazzo. Se fino a poco prima potevo avere dei sensi di colpa ad approfittare di lei in questo modo adesso sono contento perché dal suo viso traspare estasi e godimento: si sta divertendo.
Mi rimetto dritto e per un po’ restiamo tutti e tre in contatto soltanto attraverso i nostri cazzi e i nostri culi. Grazie al cazzo che ho dentro il culo di Chiara e all’azione di Filippo nel mio culo la mia prostata mi ricorda quanto la vita possa essere meravigliosa. Mi volto verso il mio amico e gli faccio capire che sono al capolinea: devo sborrare. Anche lui. 
Mi prende per i fianchi e piantandomi il cazzo ben dentro comincia a muoverlo in su e in giù dandomi dei leggeri colpetti sulla prostata. Io faccio lo stesso con Chiara premendo il dildo e il vibratore sui suoi punti sensibili. Lei ha un brivido che le corre lungo la schiena e le fa serrare il buco del culo attorno al mio cazzo. Capisco che sta per venire. Mi si annebbia la vista e inizio a sborrarle nel culo contraendo il buco del culo intorno al cazzo del mio amico che a sua volta inizia a sborrare nel mio intestino. Siamo stretti tutti e tre in un unico e lungo orgasmo. La mia sborra esce senza sosta e sembra non finire mai mentre Chiara continuando a tremare chiude gli occhi, mi massaggia le palle intrise di sborra ed altri liquidi e la sua bocca si lascia sfuggire un rigagnolo di saliva. 
Filippo si è svuotato dentro me, sento la sua sborra dentro e il mio culo è un lago. Il mio cazzo continua a sborrare, sembra non finire mai. Mi si piegano quasi le gambe tanto godo. Il mio amico chiude la videochiamata, sfila il suo cazzo dal mio culo, si inginocchia subito dietro di me, incolla la bocca allo sfintere aperto e inizia a leccare e succhiare i liquidi che ne escono ingoiando tutto. Il mio orgasmo continua e forse non finirà mai “ passerò la mia vita sborrando nel culo di Chiara “ penso. La mia sborra sguazza nel suo culo e il cazzo mi sembra sia immerso come in una gelatina calda e pulsante.
“ Ma cos’hai Chiarè, ti senti male?” dice la vicina e lei tornando in sé come risvegliata da un profondo torpore le risponde “ No nulla, sarà il caldo ma mi è venuto un po’ di mal di testa….continua, ti ascolto…” e la vicina ricomincia imperterrita mentre Filippo ha finito di pulire il mio culo. Anche il mio cazzo sembra essere soddisfatto e inizia ad afflosciarsi mentre i muscoli di Chiara si rilassano. Spengo il vibratore, sfilo il dildo e faccio uscire il cazzo dal suo culo. Filippo subito mi sposta di lato e si incolla al buco del culo della moglie e fa a lei lo stesso servizietto che ha appena finito di fare a me. Mi avvicino al suo orecchio e gli chiedo di darmi qualche minuto per sistemarmi ed uscire dalla loro casa senza essere visto.
Dopo un’oretta trascorsa con loro esco dal portone e torno sui miei passi verso l’ufficio per non essere visto. Fatti un centinaio di metri torno indietro, passo sotto la finestra di Chiara alzo gli occhi, è bellissima e la saluto. Lei mi sorride radiosa e risponde mentre io proseguo verso casa e mi dileguo.
La vicina “…ma quello non è il collega di Filippo? “.
Chiara “ Si, perché? “
“ No niente, ho avuto l’impressione che poco fa uscisse dal vostro portone, ma mi sarò sbagliata”
Chiara alza gli occhi al cielo e dice “ Si avrai visto male “ e la saluta.
Le donne sono strane: quasi sempre intuiscono, spesso sospettano a volte capiscono perfettamente. Non so se Chiara abbia mai capito, di certo subito dopo ha fatto a Filippo delle domande su ciò che era appena successo, forse per osservare la sua reazione. Non è più successo nulla di simile tra noi tre e il nostro rapporto è rimasto quello di prima.
.

 

Pin It
E tu cosa ne pensi di questo post?
Spazio dedicato solo ai Gigolo professionisti verificati con la massima esposizione
Spazio dedicato a Gigolo emergenti e professionisti con una buona esposizione.