Il primo portale di gigolo e accompagnatori in Italia.

1849 accompagnatori e gigolo presenti

Iscriviti gratuitamente

Tutto quello che credevi di sapere sull'amicizia tra uomo e donna è falso (anzi, fluido)

Disattiva commenti: No

Vuoi difendere la tua amicizia con un ragazzo o sei gelosa della BFF del tuo fidanzato? Chill out! La scienza ti spiega perché l'amicizia (quella vera) tra maschi e femmine è un legame speciale su cui investire.
L'amicizia tra uomo e donna è cambiata. Puoi fare sesso con il tuo BFF senza uscire dalla friendzone. Puoi avere più intimità con il tuo migliore amico che col tuo fidanzato. Se sei etero) o la tua migliore amica (se sei lesbica) o con chiunque ti pare (se hai abbracciato la fluidità), senza che tra di voi ci sia il minimo imbarazzo. Così come potresti trovarti verde di gelosia per il rapporto che lui ha con la sua migliore amica che magari è pure una sua ex, o al contrario perfettamente a tuo agio quando lei viene da voi a cena, a giocare a D&D o si spaparanza con voi sul divano a guardare Netflix.

La regola dell'amico (di sesso opposto)

La primavera scorsa ha fatto notizia il matrimonio di Max Pezzali con la sua migliore amica Debora. Proprio lui, che negli anni 90 ha scalato le classifiche con una canzone che inneggia alla friendzone. Si intitola La regola dell'amico e dice che non sbaglia mai, perché "se sei amico di una donna non ci combinerai mai niente, mai. Non vorrai rovinare un così bel rapporto". E se invece quel rapporto vuoi rovinarlo, perché sei innamorata persa del tuo migliore amico e da lui vuoi qualcosa di più? Un bel problema, soprattutto se hai il timore che il sesso cambi le dinamiche della vostra relazione. O che la trasporti sul terreno minato delle relazioni sentimentali, in cui in gioco ci sono l'esclusività, i sentimenti e il rischio di ritrovarvi entrambi col cuore spezzato. E di perdervi.

"È possibile che uomini e donne abbiano obiettivi e motivazioni diverse rispetto alla loro amicizia, visto che ciascuno può avere una propria visione di quali dovrebbero essere i criteri in un'amicizia e in una relazione amorosa. Per questo si crea una friend-zone confusa. Entrambi i sessi provano sentimenti simili rispetto all'amicizia con persone di sesso opposto, come la gelosia o l'amore non corrisposto. Ma c'è una sostanziale differenza: i maschi tendono a vedere il sesso e la prospettiva di una relazione come un beneficio, le donne come un costo." spiega il "dottore dell'attrazione", lo psicologo Jeremy Nicholson, esperto di relazioni.

Perché (non) dev'esserci qualcosa di più

Ci sono coppie che sul set hanno fatto faville (nella finzione) e nella realtà coltivano un'amicizia platonica esemplare: Zooey Deschanel e il suo migliore amico Joseph Gordon-Levitt, o Emma Stone e Ryan Gosling. Si contano sulle dita di una mano e un po' speriamo che un giorno si mettano insieme e vivano per sempre felici & contenti. Quante volte, guardando Il lato positivo o (500) giorni insieme hai pensato: "Quei due sono proprio una bella coppia" e hai googlato ossessivamente i loro nomi per sapere, dagli ultimi gossip, se per caso si erano messi insieme, per poi scoprire che Zooey e Gordon non hanno la minima intenzione di uscire dalla friendzone (come hanno detto fino allo sfinimento ai tabloid) e Emma e Ryan siano solo ottimi amici nonostante non la smettano un minuto di flirtare davanti alle telecamere.

Perché tendiamo a voler vedere una bella amicizia sfociare nella romanticheria? Pensa a Bradley Cooper e Lady Gaga. Anche se per te l'amicizia è un valore importante quanto l'amore (se non di più!), sotto sotto fai il tifo perché si mettano insieme. È un condizionamento sociale: sei programmata dal tuo background culturale a considerare una relazione tra uomo e donna inevitabilmente destinata ad avere una dimensione romantica o sessuale, un trampolino verso l'amore, il prodromo di una relazione sentimentale che inevitabilmente nascerà. Ma se togli dall'equazione l'ingrediente dell'attrazione cambia tutto, o meglio, riesci a spiegarti razionalmente perché tra un maschio e una femmina etero (o tra due amici che, a prescindere dall'orientamento sessuale, contemplano la possibilità dell'attrazione reciproca) quel tipo di rapporto funzioni così com'è.

Prendi una delle coppie di amici etero più longeve della storia di Hollywood, Leonardo DiCaprio e Kate Winslet. Sono ottimi amici dai tempi di Titanic. Lui l'ha accompagnata all'altare quando, nel 2012, Kate si è sposata per la terza volta. Quando lui ha vinto l'Oscar lei probabilmente era addirittura più felice di lui! La loro amicizia è inossidabile perché non si sono mai piaciuti: Kate ha ribadito in moltissime interviste, che la grande fortuna della loro amicizia è non essere attratti l'uno dall'altro. Ma la scienza dice che non è così: una minima parte di attrazione nell'amicizia tra uomo e donna ci dev'essere.

Il coinvolgimento emotivo conta più del sesso

Se hai visto Amici di letto (Friends with benefits), con Mila Kunis e Justin Timberlake, ricorderai che il problema dei protagonisti del film non era certo quello di preservare la castità della loro amicizia, visto che sono trombamici consensuali e appagati, ma far capire all'altro che c'è qualcosa di più. Chiaramente sono attratti l'uno dall'altro, ma una relazione si basa su altro, amore e impegno reciproco per dirne due.
Il comico Alan Carr li ha intervistati nel suo talk show e, rivolgendosi a Mila, ha detto: "In genere le donne non riescono a gestire il sesso e basta, perché tendono ad essere emotivamente coinvolte." Un cliché talmente trito che Justin, roteando gli occhi, ha subito messo in guardia il presentatore: “Oh no, non sai cosa stai dicendo a questa donna!”. Mila, ridacchiando, ha risposto: “In questo film entrambi i protagonisti sono emotivamente coinvolti, con la differenza che lei è molto più esplicita di lui nel farglielo capire.”

Ma cosa succede a un'amicizia quando entra in gioco il sesso? Una ricerca condotta su 191 persone che in quel momento facevano sesso con un amico o un'amica, ha rivelato che dopo un anno il 26% erano ancora trombamici, il 15% si erano messi insieme e il 28% avevano smesso di fare sesso restando comunque amici. Il 31% aveva troncato qualsiasi tipo di relazione col suo ex trombamico.

La scienza dell'amicizia maschio-femmina

Hai mai notato che quando sei fuori a mangiare la pizza e formate una tavolata di amici, maschi e femmine, spesso a prescindere da dove siete seduti, le ragazze chiacchierano tra ragazze e i maschi tra maschi. Alle feste si formano capannelli di persone dello stesso sesso. Michael Monsour, autore del libro Women and Men as Friends, definisce questo fenomeno "segregazione volontaria in base al genere".

Succede dalla primissima infanzia: "I ragazzi e le ragazze formano gruppi divisi in base al genere già nella scuola elementare," spiega l'esperto. Perciò quando durante la pubertà si avvicinano a persone del sesso opposto, tendono a considerarli partner. Questo ragionamento tiene conto esclusivamente di persone cisgender eterosessuali.

Nella società fluida di oggi, in cui molti stereotipi di genere sono stati abbattuti e un bambino che gioca con una bambola o una bambina che gioca con le spade laser, un ragazzino appassionato di danza classica e una ragazzina cintura nera di karate sono considerati perfettamente normali, anche questo fenomeno è destinato a cambiare: bambini che fin da piccolissimi giocano insieme e fanno sport insieme si "allenano" alle dinamiche dell'amicizia, senza che il genere o l'orientamento sessuale facciano pasticci nelle loro relazioni, molto prima che gli ormoni della pubertà incasinino tutto.

L'amicizia non è un amore di serie B

Quando hai una relazione amorose, alcune dinamiche delle tue amicizie potrebbero alterarsi. Il tuo partner potrebbe essere geloso della relazione intima che hai col tuo BFF, sentirsi minacciato dalla vostra confidenza o escluso dal passato che avete condiviso e appartiene solo a te e al tuo amico. Le rassicurazioni del tipo "se finora non è mai scattato niente, non scatterà mai nulla" lasciano un po' il tempo che trovano. Le recriminazioni più inflazionate dai fidanzati di tutto l'universo? Che, sotto sotto, lui sia attratto da te (è possibile, ma che c'entra?), o aspetti solo che vi lasciate per provarci con te (improbabile, ma nel caso lo rimetteresti al suo posto e vi fareste quattro risate) o che tu sia segretamente innamorata di lui e stia cercando di farlo ingelosire fidanzandoti (come no!).

Anche qui la scienza ti corre in soccorso con una ricerchina che sembra fatta apposta per screditare queste paranoie: è uno studio pubblicato sul Journal of Relationships Research, che cerca di scoprire cosa passa per la testa delle persone fidanzate che hanno un BFF dell'altro sesso. I ricercatori, Eletra Gilchrist-Petty e Lance Kyle Bennett hanno reclutato 346 persone che in quel momento avevano una relazione eterosessuale e un'amicizia forte con una persona del sesso opposto.

Rullo di tamburi: hanno scoperto che chi era in una relazione sentimentale stabile veniva considerato molto più negativamente rispetto agli sposati o ai single, probabilmente perché ci si aspetta che uno sposato abbia già scelto la persona con cui stare, un single faccia quello che gli pare, mentre chi è fidanzato in qualche modo si tenga una "porta aperta" frequentando amici che, in futuro, potrebbero diventare amanti o partner.

La stessa ricerca ha scoperto anche che le persone più sospettose dell'amicizia del loro partner erano più propense a fargli una sfuriata, anziché discutere pacificamente la situazione: insomma una bella scenata di gelosia in piena regola. In pratica reagivano come se il loro partner avesse una relazione sentimentale col proprio migliore amico-

Perciò se lui è geloso dei tuoi amici maschi, o tu delle sue amiche femmine, con buona probabilità non c'è davvero niente da temere (a meno che lui ci provi con tutte, in questo caso è molto diverso). E se anche ci fosse, non sarà certo con la gelosia a fare da deterrente.

Stereotipi da demolire

"Per le donne l'amicizia si basa sulla fiducia. Quando una donna chiede una coccola, vuole davvero una coccola. Quando lo chiede un uomo, significa che vuole fare sesso," scrive un opinionista inglese ultrasessantenne, famoso per le sue opinioni stereotipate sulle relazioni e la sessualità. Nel suo articolo pubblicato da Daily Mail, intitolato paternalisticamente Sorry, ladies - but we men can NEVER just be your friends (Mi dispiace ragazze, gli uomini non saranno MAI vostri amici), esprime un pensiero antidiluviano, che fino a pochi anni fa era quello dominante: la società pensava davvero che gli uomini volessero solo sesso dalle donne e che le donne non potessero desiderare altro da un uomo che trascinarlo all'altare.

Il problema di questo pensiero vecchio stampo è che cita una ricerca scientifica per validare la sua tesi, condotta su 88 giovani di entrambi i sessi, secondo la quale i ragazzi sarebbero molto più propensi delle femmine a volere "qualcosa di più" dalla relazione. Siamo andati a cercare quella ricerca e non dice esattamente così. La ricerca dimostra che, nella maggior parte delle amicizie tra persone di sesso opposto, c'è un livello di attrazione molto basso da parte di entrambi, ma un fattore curioso è che i maschi sopravvalutavano il loro potere attrattivo, mentre le femmine tendevano a sottovalutarlo.

Lo studio quindi suggerisce che i tuoi amici maschi siano tutti in qualche modo attratti da te, fisicamente o intellettualmente. Non restarci male, è un imprinting evoluzionistico, spiega la ricercatrice April Bleske-Rechek, che ha condotto lo studio. "Gli uomini corrono il rischio di estinguersi geneticamente se non approfittano delle opportunità riproduttive che si presentano, quindi gli uomini si sono evoluti per essere molto più opportunisti sessualmente rispetto alle femmine". Ma l'evoluzionismo centra solo fino a un certo punto: il condizionamento più forte è quello sociale.

La sociologa esperta di relazioni Jan Yager, autrice del saggio When Friendship Hurts (Quando l'amicizia fa male), spiega che l'amicizia platonica (cioè non sessuale) tra uomo e donna viene accettata dalla società solo in tempi molto recenti. Fino ai primi del Novecento le donne venivano considerate etero di default, incapaci di costruire un'amicizia con un maschio e interessate unicamente al matrimonio. Sembra il Medioevo, ma stiamo parlando del secolo scorso. Fino a pochi decenni fa l'amicizia uomo-donna è stata demonizzata e considerata anormale, in particolare se una o entrambe le persone erano legate sentimentalmente a qualcun altro, come se il proprio partner potesse darti tutto ciò di cui hai bisogno, o dovesse incarnare tutte le virtù che cerchi negli esseri umano o rispondere a tutte le tue necessità relazionali.

"In una cultura centrata sul dominio maschile, le donne sono a rischio di assumere inconsciamente un ruolo più sottomesso," spiega lo psicologo Don O'Meara, docente all'Università di Cincinnati e sostenitore convinto dell'amicizia tra uomo e donna, mettendoti in guardia dal power play, ovvero dal meccanismo per cui tende a esserci disparità tra i sessi nelle relazioni, anche quelle amicali. "Questo aspetto sta lentamente cambiando da quando la società inizia a trattare entrambi i sessi in modo più paritario," ci rassicura l'esperto.

E in una società sempre più fluida, dove non ti senti obbligata a etichettarti in base alle tue preferenze sessuali, l'amicizia tra uomo e donna assume contorni ancora più sfumati

E voi cosa ne pensate e dite di questo articolo secondo voi può assolutamente esclusivamente essistere amicizia tra Uomo e Donna vi prego gentilmente e cortesemente di dire la vostra ma ovviamente senza assolutamente esclusivamente Criticare Insultare Minacciare Grazie mille

By GattinaDolce91

Pin It
E tu cosa ne pensi di questo post?


Cerca il gigolo su misura per te